Il M5S ACI CATENA nel GDL COMUNICAZIONE (nasce GG ct5stelle)

“GG ct5stelle modello da imitare di un nuovo
sistema implementabile per quello che potrebbe essere il cuore pulsante di un nuovo
portale M5S”


Autore: Arch. Ernesto Alessandro Sudano

(Attivista M5S; Componente del GDL Comunicazione;
Gestore GG ct5stelle; Co-Organizer MU Aci Catena. Rif. R
iunione Provinciale del M5S svoltasi in San Gregorio – CT – il 24-11-13)
 
Con
il GDL Comunicazione (che, si ricorda,
era nato spontaneamente, aperto a tutti coloro che volessero dare il proprio
contributo, e che non è assolutamente una sovrastruttura
) abbiamo
analizzato i problemi emersi nel corso della riunione provinciale del 20
settembre, dandone soluzione con un esperimento! Tra
gli input emersi: No Anarchia ed Uso
Smodato dei social network
; No Proliferazione caotica di molteplici Meetup;
“Meetup”, non più una piattaforma idonea, data l’impossibilità di un networking
efficiente ed affidabile per il buon funzionamento e la condivisione degli
intenti della base e quindi degli attivisti 5 stelle; Necessità di una
piattaforma (proprietaria) più sicura e “controllata” al livello Nazionale-Regionale-Provinciale-Comunale
. Le soluzioni auspicabili nel
breve-medio termine?
Evoluzione di portali Web a 5
Stelle CERTIFICATI su piattaforma comune dal Nazionale al Comunale; InterfacciaUser Friendly” favorita da un preciso “Family Feeling” (layout, struttura, colori, caratteri, formattazione,
loghi, impaginazione…)
per
facilitare gli utenti all’accesso ed alla fruizione del portale (…”con un unico
colpo d’occhio si avrebbe tutto il M5S”);
Uso dei Social Network
esclusivamente per la Promozione di Eventi siglati M5S dal Nazionale al locale
e per null’altro; Comunicazione mezzo implementazione, nella piattaforma
certificata, di un network a 5 stelle
con opportuni standard di sicurezza ed area riservata agli attivisti
certificati mezzo doc. digitalizzati
; Incorporare il “Sistema Operativo 5
stelle”; Istituzione di server targati M5S appositamente organizzati dal
livello Nazionale al Comunale con DOMINIO,
ad esempio, “movimento5stelle.it” unico portale d’accesso , dei SOTTODOMINI Regionali/Comunali ordinati
(mezzo opportuni redirect) coerentemente per Provincia o Liberi Consorzi di Comuni,
per canalizzare tutte le risorse umane
degli attivisti in un’unica piattaforma CERTIFICATA e collaudata in maniera
opportuna dal livello nazionale al locale, una rete strettamente interconnessa
e democraticamente strutturata per tutti coloro che, dai semplici
sostenitori iscritti agli attivisti e, specialmente, ai cittadini all’interno
delle istituzioni hanno voglia di
lavorare in sinergia per il M5S non disperdendosi
.
Il
nostro GDL ha potuto lavorare/sperimentare solamente al livello provinciale su una piattaforma attualmente
gratuita, disponibile, ricca di strumenti (Documenti elettronici condivisibili
in tempo reale, Videoconferenza e Chat, Lavagne interattive…) e di facile
integrazione questo è GG
Google Gruppi – (il che è
stato più che sufficiente per verificare la fattibilità della proposta

perché, ovviamente, più si sale di grado, più complesso, per i livelli
autorizzativi, sarebbe risultato per tutti noi!), oggi finalmente, tramite
questa interfaccia, siamo connessi al
livello provinciale,
ma è facile immaginare che una tale caratteristica è
da sposare e caratterizzare per tutto il M5S. Questa proposta, se venisse sostenuta
da più parti, e soprattutto gradita dall’alto (vedi Grillo e Casaleggio) si
potrebbe riproporre come modello da
imitare di un nuovo sistema implementabile per quello che potrebbe essere il
cuore pulsante di un nuovo portale M5S
darebbe, quindi, a nostro parere,
una grande spinta propulsiva alla democrazia
partecipativa diretta
! Si può fare e
si deve fare al più presto GG ne è la prova.
Comunque vada, resta una soluzione semplice diretta e funzionale
per tutti noi attivisti. Concludendo GG ct5stelle è un esperimento che
potrebbe ripetersi come prototipo da
allargare oltre l’attuale sperimentazione provinciale, rispetto all’auspicabile
creazione di un nuovo portale M5S dal nazionale al comunale con aree riservate
,
Facebook ed in generale i social network, dovrebbero essere utilizzati
esclusivamente come veicolo pubblicitario alla stregua di una “affissione virtuale
di locandine e/o, vetrine  virtuali” di
eventi già pronti, comunicazione interna tra attivisti non più con essi ma con
il network “riservato M5S” come abbiamo verificato in GG e, quindi, questa sperimentazione
del GDL graficamente (cfr. slide) potrebbe essere “incastonata” nell’auspicabile
futura area riservata 5 stelle
.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *