Project Description

Sono nata a Catania nel febbraio del 1971 ergo, orgogliosamente sono una 46 enne! Ho tre splendidi figli, due maggiorenni e un piccolino che, insieme al mio compagno abbiamo deciso di crescere a S. Nicolò’ quindi in territorio catenoto.

Disoccupata dal 2008, malgrado qualche lavoretto sporadico, mi trovo ad annaspare come tanti Italiani. La mia professione di Estetista, intrapresa quasi 30 anni or sono, costantemente alimentata, con grandi sacrifici e specializzazioni successive (eubiotiche, olistiche, posturali, con attestato triennale Shiatsu e relativi corsi di approfondimento…) mi ha visto impiegata presso vari esercizi sia a Messina che a Catania, ho anche provato ad aprire una mia attività che, purtroppo, particolarmente a causa del passaggio da lire ad euro, dopo circa dieci anni (2007), sono stata costretta a chiudere. Da sempre il mio esiguo tempo libero lo dedico con passione a creare manufatti riciclando, oggetti di ogni tipo e provenienza, disegnando e dipingendo inoltre, il mio amore per la natura, mi ha portato, ad esempio, ad “invadere” con le mie piante e le mie opere il balcone di casa e parte degli interni. Questa premessa perché ritengo sia “nostra” missione tutelare prima di tutto l’ambiente, essendo il patrimonio più’ importante da tramandare ai nostri figli, per cui anche se costa fatica e dedizione sono per un attento riciclo, l’eco- sostenibilità innanzi tutto, riflessioni che mi hanno portato a sposare “senza se e senza ma” il programma del Movimento 5 Stelle. Iscritta certificata al M5S dal 2012, i primi del 2013, io ed il mio compagno, abbiamo cercato il MeetUp e gli attivisti locali per poterli conoscere e farci conoscere! E’ stato bellissimo l’incontro con il gruppo, con cui da subito ci siamo attivati per il territorio, partecipando e contribuendo con operosità a tutti gli eventi e le manifestazioni non solo relativi al “catenoto” ma anche per l’area metropolitana di Catania collaborando e confrontandoci con i MeetUp di altri comuni e sempre in prima linea ai banchetti, a distribuire volantini, a spiegare cosa è realmente il Movimento 5 Stelle, relazionandoci con i cittadini…mi sono spesa per portare, inoltre, nelle “nostre linee” sempre più persone che potessero aiutarci “attivamente”, perché il “cambiamento” è possibile se parte già da ognuno di noi…

Ad esempio, in prima linea, ho voluto occuparmi, da semplice cittadina, dei problemi, relativi all’attivazione della mensa scolastica per la scuola materna (frequentata a quel tempo anche dal più piccolo dei miei tre figli!), delle problematiche relative al “tempo prolungato” mai effettivamente attivato, consapevole delle difficoltà che avrei avuto, non mi sono persa d’animo cosicché, protocollando i documenti relativi alla raccolta firme da me proposta ed operata per tentare di ottenere l’avvio, anche solo di una classe a tempo prolungato e, per le classi uscenti il successivo anno, sono riuscita ad avere l’attenzione al problema da parte della Preside che sembrava volersi interessare solo dopo la mia ostinazione e la bufera suscitata. Questa esperienza ahimè, mi ha anche fatto constatare una grande passività e rassegnazione da parte delle figure interessate inoltre, le spiacevoli vicende ed il commissariamento del Comune di Aci Catena, che hanno visto protagonisti parte dei consiglieri oltre l’episodio dell’ex Sindaco, hanno buttato nell’incertezza anche il possibile ampliamento (ed attivazione del tempo prolungato) ad esempio per la scuola Tommaso Onofrio, necessario per le numerose richieste di iscrizioni. Studenti, quindi, che si sono trovati costretti ad iscriversi in altre scuole che garantiscono il tempo prolungato causando grandi disagi alle famiglie. Dunque ancora oggi è “tutto fermo”! Assurdo il fatto che, malgrado le normative europee impongano il “tempo prolungato”, proprio in Sicilia avremmo dovuto avere una percentuale decisamente superiore di scuole con classi di quel tipo e invece non si arriva neanche al 30% in tutta l’isola. Ma noi del M5S ci batteremo anche per questo, nel nostro programma elettorale avrete modo di constatare questo e molto altro riguardo al sociale, agli anziani ed alle problematiche dei disabili. Ci auspichiamo, soprattutto grazie all’aiuto di cittadini coscienziosi che vogliono cambiare pagina, di potere risollevare le sorti del nostro territorio, basta elemosinare ai “vecchi” politici, per avere ciò che ci spetta di diritto, Mi domando, i cittadini non sono stanchi di questo? Vogliono ancora tollerare? Elemosinare? Chiudo citando Napoleone Bonaparte che dichiarò sostanzialmente che era lui stesso a fare cambiare l’ambiente nel quale si trovava ad operare…Non bisogna dare la colpa alle circostanze, ma creare l’ambiente che si desidera. Siamo noi stessi a creare le circostanze, crediamoci, riprendiamoci la sorte della nostra terra, amiamola di più.